18.04.2018

SKYLOTEC è pronta per nuove avventure fra le rocce con i suoi atleti e dà il benvenuto a un nuovo membro del team

Come uno dei produttori leader di DPI e di attrezzature per la protezione in quota in ambito industriale e sportivo, SKYLOTEC è uno degli attori principali sul mercato.

Much Mayr

Naturalmente chi vuole distinguersi ad alti livelli, deve avere anche dei portavoce adeguati a rappresentare il proprio marchio. Fin dagli albori della SKYLOTEC Sport, Michael “Much” Mayr, che si annovera fra gli atleti più rinomati dell’arrampicata, è stato ambasciatore di questo specialista della sicurezza. Che si tratti di big wall, highball o arrampicata sportiva, nella sua carriera trentennale di scalatore, Munch ha affrontato praticamente qualsiasi genere di struttura rocciosa e di certo le cose in futuro non cambieranno. La sua vita fra le rocce è lastricata di viaggi e dall’apertura di nuove vie in Alaska, Canada, Colorado, Patagonia, Norvegia, Oman e Pakistan ma è anche caratterizzata da eventi di spicco come i cinque tour El Cap in libera, la prima salita in arrampicata libera dell’Ultimo dei Paracadutisti sulla Marmolada o la Via degli Spagnoli sulla Cima Grande di Lavaredo. Nel 2018 Munch ha prolungato il suo impegno con la SKYLOTEC e continuerà a essere il portavoce dell’azienda nel mondo delle pareti rocciose.

Yannick Flohé

Da marzo 2018 è entrato a far parte della squadra anche Yannick Flohé, che alla tenera età di 18 anni affronta già arrampicate di difficoltà 8c+ e ha ottenuto diversi successi nelle competizioni. Oltre alla vittoria della European Youth Cup Boulder ad Argentiere, al secondo posto alla European Youth Cup Lead di Ulster o al terzo piazzamento nella European Youth Cup Lead di Dornbirn, ha conquistato un eccellente sesto posto nel Campionato maschile tedesco Boulder 2017, una prestazione eccezionale per un atleta della sua età.

Back to overview